Tag: Oasi WWF

Animali dell'acqua

Un metodo divertente ma rigoroso per conoscere i piccoli animali dell'acqua,

CONTINUA A LEGGERE

Api e miele

Le api come non le avete mai viste: da molto vicino!

CONTINUA A LEGGERE

Api e miele

Le api come non le avete mai viste: da molto vicino!

CONTINUA A LEGGERE

A Le Bine con microscopi e bussole

Un approccio al mondo naturale e rurale in maniera divertente con molta attenzione al rigore scientifico, alle relazioni ed alla sostenibilità.

CONTINUA A LEGGERE

Animali dell'acqua

Un metodo divertente ma rigoroso per conoscere i piccoli animali dell'acqua,

CONTINUA A LEGGERE

Animali dell'acqua

Un metodo divertente ma rigoroso per conoscere i piccoli animali dell'acqua

CONTINUA A LEGGERE

Gli animali del suolo

Ma cosa abbiamo sotto i piedi? Un sacco di animali che conosceremo usando microscopi e lenti d'ingrandimento

CONTINUA A LEGGERE

Alfabeto de Le Bine

Una passeggiata che unisce natura e uso dell'italiano e delle "parole difficili"

CONTINUA A LEGGERE

La montagna girotondo ed il prato delle merende

Esplorazione, avventura e favole. Faremo delle passeggiate nel bosco, scopriremo i piccoli abitanti

CONTINUA A LEGGERE

La montagna girotondo ed il prato delle merende

Esplorazione, avventura e favole. Faremo delle passeggiate nel bosco, scopriremo     

CONTINUA A LEGGERE

Studi e ricerche su anfibi e rettili

– Agapito Ludovici A., 1982 – Osservazioni naturalistiche all’Oasi WWF di Le Bine (CRMN). La Rana di Lataste (Rana latastei). Quad.1/82. WWF Lombardia Milano. 1-3.
– Agapito Ludovici A., 1987 – Anfibi e rettili. In: Agapito Ludovici A., Marchetti F., Seghetti C., 1987: Le Bine. Studi e ricerche (1980-86) – Quad.4/87. WWF Lombardia Milano: 1-128.
– Agapito Ludovici A., Colli M., 2000 – Status della popolazione di Rana latastei nella Riserva naturale Le Bine (CR-MN). In: Atti I Congresso nazionale Società Herpetologica Italiana (Torino, 1996). Museo regionale di Scienze Naturali, Torino: 721-725.
– Cecere F., Ghidoni M., Perlini S., 2001  Azioni del Parco Oglio Sud per la conservazione della rana di Lataste Rana latastei. Atti 3° Congresso nazionale S.H.I. (Pavia, 2000), Pianura, 13: 189-191.
– Ferri V., 1990 – Relazione sullo status degli anfibi nella Riserva naturale Le Bine: 1-29 (ined.).
– Ferri V., Agapito Ludovici A., Schiavo R.M., 1992  Problematiche di gestione delle popolazioni di Rana latastei delle riserve naturali lombarde di Monticchie e Le Bine. Quad. Civ. Staz. Idrobiol., 19. Milano: 131- 139.

CONTINUA A LEGGERE

Biodiversità  fra aria terra e acqua

Alla scoperta della biodiversità attorno a noi

CONTINUA A LEGGERE

Biodiversità  fra aria terra e acqua

Alla scoperta della biodiversità attorno a noi 

CONTINUA A LEGGERE

Sono un asino

Vi presentiamo la possibilità di vivere un’ esperienza diretta con gli asini.

CONTINUA A LEGGERE

Sono un asino

Vi presentiamo la possibilità di vivere un’ esperienza diretta con gli asini.

CONTINUA A LEGGERE

Qualità  biologica del suolo

Ma cosa abbbiamo sotto i piedi? Cosa calpestiamo andando nel bosco? Lo scopriremo insieme!

CONTINUA A LEGGERE

Qualità  biologica del suolo

Ma cosa abbiamo sotto i piedi? Cosa calpestiamo camminando in un bosco? Lo scopriremo insieme!

CONTINUA A LEGGERE

Api

Le api come non le avete mai viste: da molto vicino!

CONTINUA A LEGGERE

Attività per scuole superiori ed università 

Ospitiamo tirocini per l'alternanza scuola/lavoro e attività specifiche

CONTINUA A LEGGERE

Per non perdersi nel bosco

Scoprire il mondo naturale imparando a leggere una carta topografica e ad usare una bussola.

CONTINUA A LEGGERE

Il bosco delle rane rosse

Alla scoperta della biodiversità. Faremo uscite nelle ore più disparate (anche di notte)....

CONTINUA A LEGGERE

Adozione del bosco

Il bosco sta diventando solamente un ricordo dei racconti, delle fiabe e delle leggende dei nostri nonni.

CONTINUA A LEGGERE

Il taccuino dell'avventura

Quante tracce riuscite a trovare nel prato? E quanti canti....

CONTINUA A LEGGERE

Adozione del bosco

Il bosco sta diventando solamente un ricordo dei racconti, delle fiabe e delle leggende dei nostri nonni.

CONTINUA A LEGGERE

Folletto binetto

Una visita a Le Bine si può trasformare in un’ottima occasione per scoprire il mondo naturale con un approccio legato al mondo delle favole.

CONTINUA A LEGGERE

Educazione ambientale negli anni

Le attività di educazione ambientale a Le Bine sono state promosse inizialmente dal WWF che le ha gestite direttamente per quasi trent'anni. A partire dal 2003 queste sono promosse e gestite dall'azienda agricola Cecere con l'agriturismo Le Bine, in collaborazione con il WWF. Con il Parco Oglio Sud collobariamo nella progettazione e gestione di corsi di formazione per docenti e per incontri di presentaizone libri e seinsbilizzazione/informazione su temi a carattare naturalistico.

CONTINUA A LEGGERE

Materiali da scaricare

In questa sezione sono presenti è possibile scaricare materiale sulle attività di educazione ambientale a Le Bine.

CONTINUA A LEGGERE

Il clima

Inquadramento climatico generale

 

L’Oasi WWF Le Bine è inserita nel cuore del bacino padano, enorme catino aperto verso est e delimitato a nord dalla Catena alpina e a sud da quella appenninica. Ne deriva un clima a continentalità smorzata con caratteristiche intermedie tra il clima dell’Europa Centrale (clima mesotermo senza siccità estiva - Cfb secondo Koeppen), e il clima Mediterraneo (clima mesotermo con siccità estiva - Csa secondo Koeppen), (Strahler & Strahler 2005).

Essendo il bacino padano posto alle medie latitudini è esposto all’apporto di masse d’aria di origine diversa ed in particolare:

  • masse d’aria artica, fredda in tutte le stagioni e da cui l’area padana è relativamente protetta per l’azione delle Alpi
  • masse d’aria polare continentale di origine siberiana, la più fredda in assoluto in inverno
  • masse d’aria polare marittima che ha origine in Atlantico a circa 50-60° di latitudine Nord, mite in tutte le stagioni ma di norma più fredda dell’aria presente nel Mediterraneo, per cui il suo arrivo è in grado di originare discontinuità frontali
  • masse d’aria subtropicale, caldo torride in tutte le stagioni.

Tali masse d’aria possono giungere nella nostra area per effetto della circolazione atmosferica, che è classificabile secondo tipi circolatori caratteristici, fra i quali si rammentano in particolare i tipi anticiclonici (es: grandi aree anticicloniche, promontori anticiclonici), le saccature atlantiche (depressioni a forma di V associate alle grandi correnti occidentali), i cicloni del mediterraneo (es: ciclone di Genova) e le correnti di foehn innescate dall’interazione fra le grandi correnti occidentali e la catena delle Alpi.  La frequenza dei diversi tipi di tempo è fortemente variabile di anno in anno in quanto governata dalla circolazione atmosferica a macroscala; è possibile tuttavia osservare che in un anno si riscontrano grossomodo 180-200 giorni/anno di tempo anticiclonico e 80-90 giorni/anno di tempo ciclonico mentre i restanti giorni presentano caratteri di transizione fra ciclonico e anticiclonico (Ambrosetti et al., 2005).

Il regime termico mostra un minimo nel mese di gennaio e un massimo estivo nel mese di luglio. Le precipitazioni mostrano invece un massimo principale in ottobre ed un massimo secondario a maggio; molto interessanti dal punto di vista diagnostico si rivelano inoltre il minimo principale ricadente in inverno, sintomo dell’influsso del regime pluvimetrico oceanico dell’area centro-europea ed il minimo pluviometrico secondario in estate (luglio), segnale di mediterraneità. Da rilevare inoltre la buona piovosità propria dei mesi estivi di giugno ed agosto e che deriva dai frequenti episodi temporaleschi.

L’impronta più marcata al regime dei venti è data dalle circolazioni di brezza (venti deboli con componente diurna da est-sudest e componente notturna da ovest-nordovest) che interessano l’area nei 180-200 giorni di tempo anticiclonico con stabile e soleggiato. Venti da deboli a moderati in prevalenza da est-sudest caratterizzano invece le fasi di tempo perturbato (ciclonico) ed infine ventosità forte caratterizza le circolazioni di foehn, che insistono mediamente sull’area per 15-20 giorni l’anno (Ambrosetti et al., 2005).

Il regime della copertura nuvolosa manifesta due massimi in coincidenza con i massimi pluviometrici primaverili e autunnali e la vicinanza delle Alpi garantisce una consistente varietà di formazioni nuvolose che vanno dalle nubi basse (cumuli, strati, stratocumuli) a quelle medie (altocumuli, altostrati) a quelle alte (cirri, cirrocumuli e cirrostrati) dando luogo a paesaggi atmosferici di grande suggestione.

 

Analisi termo-pluviometrica sul periodo 1951-2009

Per questo lavoro si è considerato l’insieme delle stazioni meteorologiche che ricadono nel territorio della Lombardia cui si sono aggiunte alcune stazioni al contorno.  Si tratta di stazioni che per il periodo 1951 – 2007 afferiscono al dataset del progetto RICLIC-WARM * mentre dati aggiuntivi per il periodo 2008 e 2009 sono stati acquisiti dalla banca dati di CRA Cma riferita a stazioni meteorologiche del CRA stesso e del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica  Militare.

L’elaborazione eseguita sui dati giornalieri del dataset in questione ha consentito di produrre i dati relativi all’Oasi Le Bine ( 45° 08' 16"  N; 10° 25' 32"  E ) applicando un algoritmo a medie pesate con peso inversamente proporzionale al quadrato delle distanze.

La figura 1 presenta il diagramma di Walter e Lieth che sintetizza l’andamento mensile della temperatura media e delle precipitazioni sul periodo 1951-2009. Il fatto che la linea delle precipitazioni non scenda mai al di sotto di quella delle temperature indica l’assenza di un periodo di aridità accentuata.

Si noti anzitutto che la temperatura media annua dell’Oasi è di 12.8°C e le precipitazioni totali medie annue sono di 829 mm.

Considerando i dati medi annuali di temperatura massima, minima e precipitazione si è attuata su queste serie un’analisi di discontinuità secondo il metodo proposto da Bai e Perron (2003) servendosi della libreria Strucchange di R statistics (R Development Core Team, 2004) e del software AnClim (Stepanek, 2006). Tale analisi consente di individuare cambiamenti significativi (al 95%) nei valori medi all’interno di una serie temporale (tabella 1).

In particolare per le temperature massime si sono individuati tre periodi stazionari (figura 2): il primo (1951/1987) con temperatura media di 17.2°C, il secondo (1988/1996) con temperatura media di 17.9°C ed il terzo (1997-2009) con temperatura  media di 19.0°C.

Per quanto concerne le temperature minime i periodi individuati sono sempre tre ma con differenze nei valori medi molto meno marcate. Si possono notare due periodi (figura 3): 1951/1961 e 1971/2009 con valori medi praticamente identici (8.2°C) intervallati dal periodo più freddo 1962/1970, con media termica di 7.5°C.

La serie temporale delle precipitazioni è sostanzialmente divisibile in due parti (figura 4): 1951/1979 e 1980/2009; la seconda con un valore pluviometrico medio di circa 60 mm inferiore al primo.

Considerando la frequenza degli eventi precipitativi mensili (>1mm) divisi per classi nei due periodi sopraccitati si può notare una lieve diminuzione nel numero di episodi di  scarsa e normale intensità (classi 1-5 mm/giorno e 5-15 mm/giorno) mentre negli eventi di moderata ed estrema entità non sono individuabili differenze degne di nota (figura 5).

Tenendo conto delle discontinuità individuate nelle serie temporali annuali di temperatura minima, temperatura massima e precipitazione, si è proceduto anche ad un’analisi stagionale dei dati (tabella 1).

Da queste ultime emerge che per le temperature massime le stagioni che mostrano un incremento più sensibile del periodo 1997-2009 rispetto al periodo base 1951-87 sono la primavera e l’estate, mentre in autunno ed inverno gli incrementi appaiono meno marcati. Per quanto concerne i valori delle temperature minime, ad eccezione di un calo durante gli anni ’60, non si riscontrano variazioni significative.

A passo stagionale, le precipitazioni mostrano differenze trascurabili in primavera ed autunno mentre cali lievemente più marcati si osservano in inverno ed in primavera.

 

CONTINUA A LEGGERE

Come visitare Le Bine

L'ingresso a Le Bine è aperto tutto l'anno ed è gratuito. Se venite in auto dovete lasciarla all'ingresso della riserva nel piccolo parcheggio del ristorante "La zanzarina d'oro" e poi entrare a piedi. Chiediamo solo di entrare avendo rispetto di quello che si trova (animali, strutture...), di non lasciare il sentiero principale, di lasciare pulito e di tenere presente che si tratta di un posto privato, il cui mantenimento è effettuato con fondi propri, ma aperto al pubblico, che potreste trovare lungo i sentieri bambini, turisti, animali selvatici o domestici.

CONTINUA A LEGGERE

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!